5.6 C
Comune di L'Aquila
martedì, Aprile 23, 2024

Gender-gap e odontoiatria: il panorama della situazione italiana

RicercaPubblicazioniGender-gap e odontoiatria: il panorama della situazione italiana

Una recente pubblicazione sul divario di genere nelle posizioni di leadership in ambito odontoiatrico, frutto della collaborazione tra le ricercatrici dell’Università degli Studi dell’Aquila, dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” e dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, è stata pubblicata sulla rivista a impatto internazionale Healthcare e premiata da parte dell’associazione per l’empowerment femminile “ZONTA”.

La questione del divario di genere in odontoiatria e nella leadership nel settore dentale ha posto nuove sfide ai rappresentanti istituzionali e alle associazioni di categoria della professione odontoiatrica. In effetti, la disuguaglianza tra i sessi nel personale sanitario rappresenta un limite alla progressione delle professioni, impedendo alle persone con talento di accedere a posizioni elevate nel mondo accademico per l’appartenenza a un determinato genere e non fornendo modelli di esempio adeguati a ispirare le generazioni future.

La popolazione italiana che praticava l’odontoiatria nel 2021 era composta per il 74% da maschi e per il 26% da femmine. Lo scopo di questo studio è quello di analizzare il livello del divario di genere nel settore odontoiatrico in Italia concentrandosi sulla distribuzione di genere nelle posizioni di leadership delle commissioni albo odontoiatri (2018-2022), nei dipartimenti provinciali regionali e nazionali delle associazioni di categoria (è stata presa in considerazione l’associazione nazionale dentisti italiani nel triennio 2018-2021) e nei relatori invitati a convegni odontoiatrici accreditati AGENAS per il programma di Educazione Continua in Medicina (periodo 2019-2022).

L’analisi dei dati riguardanti la composizione delle commissioni albo odontoiatri, dei consigli delle associazioni sindacali di categoria e dei relatori presenti negli eventi ECM ha evidenziato una differenza statisticamente significativa nella distribuzione dei ruoli tra i due generi a livello regionale e locale, con un p-value <0,05, e una rappresentanza significativamente bassa delle donne che praticano l’odontoiatria (p <0,05). La significatività statistica dei dati, ci mostra che sì, c’è un problema di divario di genere e di rappresentanza nelle posizioni di leadership sia nei board istituzionali, sia nell’associazione di categoria, sia in negli eventi ECM, non fornendo adeguati modelli da imitare o che siano di ispirazione alle giovani generazioni.

Nonostante i dati, la sfida a livello istituzionale e politico è stata accettata: il PNRR ha destinato una quota economica che aiuti l’imprenditoria femminile dei servizi, ivi compresa l’apertura di studi professionali e l’obbligo della certificazione di equità di genere per le aziende. La fondazione ENPAM ha introdotto l’erogazione del bonus bebè per aiutare a conciliare gli impegni genitoriali e la libera professione e inoltre è stata introdotta una commissione parlamentare sull’equità di genere.

Anche se il divario di genere continua a essere presente, queste iniziative sono indice di una volontà di rompere sempre più tetti di cristallo, anche in odontoiatria.

Nella foto: Premiazione “Donna Verso il Futuro” delle Autrici da Parte dello ZONTA CLUB ROMA 1

Bianchi Serena, Professoressa del Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente
Sara Bernardi, Ricercatrice del Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente

Serena Bianchi
+ posts
Sara Bernardi
+ posts

Dai uno sguardo agli altri contenuti

Dai uno sguardo:

Articoli più popolari