27.7 C
Comune di L'Aquila
martedì, Luglio 23, 2024

Per un teatro fuori dalla logica dell’evento

EventiPer un teatro fuori dalla logica dell’evento

Tra maggio e giugno di quest’anno il paese di Fontecchio, piccolo borgo in provincia dell’Aquila, ha ospitato una serie di incontri, laboratori, performance, realizzati all’interno del progetto Terre Sonanti. Canti storie e paesi in festa, ideato dalla Libera Pupazzeria e sostenuto da Aria – Festival di teatro dell’Università dell’Aquila, dall’Incubatore di creatività, e dal comune stesso.

I laboratori sono stati condotti da artisti dalle provenienze più disparate: Arrington De Dionyso sperimentatore vocale e musicale; Enza Alejandra Prestia cantante, musicista ed esploratrice di suoni; Massimo Piunti artista e creatore di pupazze; Andrea Cosentino attore e regista teatrale che, insieme a Margherita Masè, ha tra l’altro intervistato e coinvolto gli abitanti nel suo noto progetto Telemomo.

Due mesi di incontri, alla scoperta dei sentieri che dal paese scendono ripidi verso il fiume, cercando e rimescolando storie antiche e recenti, l’evoluzione biologica e i segni del rapporto che donne e uomini hanno sviluppato nei secoli con la natura circostante tra attrazione, simbiosi e abbandono. Storie che sono diventate la materia grezza da cui partire nei diversi laboratori, che hanno coinvolto gli studenti universitari, gli abitanti del paese e le realtà artistiche recentemente insediatesi a Fontecchio.

Nel giorno della performance finale, allo scoccare dell’estate dalla penombra della piazza del paese, Arrington si è avvicinato ballando una strana danza, accompagnato dal suo strumento a fiato (un sassofono, ma realizzato con materiali di riciclo): aveva indosso un copricapo realizzato da Piunti e che in tutto ricordava la fontana storica del paese; al pubblico appariva come un fantasma dell’acqua che danzava tra due grandi pupazze, fantocci d’altri tempi dalle sembianze umane alte più di due metri. Appena pochi minuti dopo il tamburo di Enza Prestia ha iniziato a contrappuntare i movimenti, preparando l’ingresso di un’altra pupazza ancora, quella che porta il fuoco e illumina il cielo con il suo spettacolo pirotecnico. Il pubblico si è stretto in cerchio, partecipanti ai laboratori, persone del paese, gente curiosa.

Terre Sonanti è un progetto di teatro comunitario, di questi tempi ce n’è molti, fin troppi; ma la sua efficacia sta nel lento percorso di avvicinamento, che va ben al di là della logica dell’evento. Che persone e istituzioni del territorio lavorino insieme su una lunga durata è una buona speranza di rigenerazione per il teatro, e per i luoghi stessi. L’equivoco sta infatti, e spesso, nel credere queste esperienze come non ordinarie, limitandone l’efficacia al gioco pirotecnico, fuori dalle righe e quindi dai luoghi, e invece c’è un cerchio fatto di persone che in quel gioco si specchia.

Perché il teatro, quello buono, può essere tante cose che pure poco si somigliano, ma così che tutti possano riconoscersi.

—-

TERRE SONANTI. Canti storie e paesi in festa

Laboratori, performance, spettacoli

un progetto a cura di Libera Pupazzeria.

Ideazione e direzione artistica Silvia Di Gregorio.

In collaborazione con La Kap, Le Officine e il Centro di Educazione Ambientale Torre del Cornone e con la partecipazione di Alberto Santucci.

Documentazione video: Sebastian Alvarez.

Referente UnivAQ: Doriana Legge.

Sostenitori del progetto: Università degli Studi dell’Aquila (Aria – Festival di teatro; Incubatore di creatività) e Comune di Fontecchio https://www.youtube.com/watch?v=IVD38VVd11U.

Doriana Legge, Ricercatrice – Dipartimento di Dipartimento di Scienze umane

+ posts

Dai uno sguardo agli altri contenuti

Dai uno sguardo:

Articoli più popolari